Laura Ceretti, nata nel 1955, vive e lavora tra Milano e la Svizzera.

Dopo gli studi artistici frequenta la scuola Politecnica del Design di Milano e inizia a lavorare molto giovane in pubblicità come responsabile dell’immagine per aziende nel settore arredamento. Viene così a contatto negli anni ’70 con gli ambienti emergenti dell’industrial design e della fotografia.

Nel corso della sua attività professionale sviluppa una spiccata attenzione e predilezione ai dettagli tecnici e ingegneristici, alle moderne tecnologie editoriali e al web, coniugandole armonicamente alle suggestioni artistiche e all’aspetto poetico delle arti visive.

Appassionata di storia e cultura della montagna, ama la natura nei suoi aspetti più discreti e nascosti, è stata autrice e curatrice di numerose monografie e volumi dedicati alla storia, morfologia e vicende umane delle Alpi centrali e dei suoi passi.

È collezionista di antiche cartoline dell’Engadina e selezionando le più rare e curiose, ha dato vita a un libro e un film.

Nel 2017 ha conseguito il brevetto di pilota di droni certificato Enac - Ente Nazionale per l’Aviazione Civile- di SAPR (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto). Da allora ha imboccato, parallelamente alla fotografia, un nuovo percorso artistico e creativo, immortalando i mutamenti dei paesaggi naturali al ritmo delle stagioni, rielaborandoli e trasformandoli in raffinate immagini, a tiratura limitata.

Curiosa, ama la calligrafia, colleziona pennini, cannucce e pesci in vetro di Murano. Sportiva, scia, nuota e va a pesca nei torrenti di montagna. Detesta l’ipocrisia, ammira gli altruisti, adora la Porsche 356 ma non ne ha mai posseduta una. Dorme poco e sogna molto. A occhi aperti.